Inquinamento batterico da pseudomonas in reparti di come prevenirlo in modo afficace, semplice e veloce produzione di alimentari

Microrganismi invisibili che si moltiplicano in particolari condizioni ambientali, dove umidità e materiale organico sono gli elementi più importanti, convivono in tranquilla simbiosi con l’essere umano ma in determinate circostanze possono arrecare danni irreparabili. Tra i microrganismi più pericolosi ricordiamo lo pseudomonas, batterio che si sviluppa in un range di temperatura relativamente alto, compreso in genere tra i 36° e 42° C, tipico delle industrie casearie e delle bevande, dove, considerata la significativa presenza di materiale organico (per esempio latte, caglio, ecc.) riesce velocemente a proliferare.

Questo microrganismo resiste molto bene sia alle clorazioni che ai disinfettanti a base di sali quaternari di ammonio, fattore che rappresenta un ulteriore rischio che la contaminazione dilaghi in quanto, non appena si rileva la presenza di pseudomonas, si tende ad aumentare la frequenza dei lavaggi o a fare bonifiche straordinarie senza sapere che la colonia infestante avrà la meglio.

Nei caseifici e nella industria di imbottigliamento dell’acqua minerale, frequenti sono i tentativi di decontaminazioni di pareti ricoperte di macchie di vario colore: pseudomonas infatti si caratterizza per la produzione di piocianina di colore blu e di altri pigmenti idrosolubili di colore dal giallo-verde al giallo-bruno. Inoltre è spesso un componente della flora batterica naturale delle acque e la resistenza alla clorazione ne facilita la crescita nella rete acquedottistica; Pseudomonadi possono ricrescere anche nell’acqua minerale imbottigliata, con frequenza superiore al 20%.

L’azione nell’uomo si associa sempre ad una diminuzione delle difese immunitarie e le conseguenze in genere sono infezioni di varia natura. Se poi consideriamo che le gocce di condensa che cadono da un soffitto coperto dalle tipiche macchie di muffa possono raggiungere il prodotto, magari pronto per il confezionamento, allora la contaminazione è assicurata, e non esiste sistema di controllo qualità in grado a questo punto di porvi rimedio se non bloccando il lotto di produzione.

Questo è solo un aspetto dell’elevato costo che una azienda deve sostenere a causa di una contaminazione: a ciò si aggiungono i costi dei numerosi interventi di bonifica, eseguiti molto spesso costruendo impalcature per raggiungere i punti più nascosti, i prodotti disinfettanti, le ore uomo e il fermo impianti.

A queste operazioni seguono molto spesso interventi di tinteggiatura che hanno normalmente un effetto limitato nel tempo, in genere non più di 2 mesi, in quanto i prodotti utilizzati sono generalmente additivati di principi antimuffa solubili in acqua, che lentamente migrano dal rivestimento verso l’ambiente lasciando impoverito il rivestimento. In quelle produzioni quali quelle di prodotti lievitanti o formaggi dove l’azione dei microrganismi è fondamentale, questa situazione di stillicidio arricchito di principio antibatterico è deleteria e la scelta di un rivestimento antibatterico di un certo tipo è determinante.

Steri-x Service leader nel settore dei rivestimenti fluidi per ambienti ad alti standard igienici, propone Stericlean, membrana a base acqua che evita costosi e frequenti rinnovi del rivestimento, ed impedisce contaminazioni patogene non volute e pericolose. Stericlean non rilascia odori durante la posa e quindi può essere applicato anche in condizioni di linee produttive in funzione. Il suo contenuto di sostanze organiche volatili (VOC) è nullo sia durante l’applicazione che nei tempi successivi garantendo così assenza di inquinamento dei prodotti presenti.

La novità di tale prodotto risiede nel fatto che il suo principio attivo ha un legame chimico con la molecola del rivestimento che gli impedisce di essere portato in soluzione dall’acqua presente nell’ambiente o da quella di lavaggio.

Questa particolare struttura molecolare garantisce l’effetto antibatterico per tutta la durata dello spessore del rivestimento. Inoltre ha una versatilità di utilizzo tale che può essere usato indifferentemente in celle frigorifere e di surgelazione, reparti di cottura, forni, ecc. e in una notevole resistenza alle sollecitazioni dovute ai cicli gelo/disgelo o ai movimenti naturali del supporto. Queste caratteristiche fanno si che Stericlean possa essere utilizzato anche per superfici esterne quali pannelli prefabbricati o pareti in muratura.

Per ulteriori informazioni: Steri-x Service Sa – Via Soldini 22 – 6830 Chiasso Tel +41 91 9605871

Print Friendly, PDF & Email