PAVIMENTAZIONI INDUSTRIALI AD ALTE PRESTAZIONI PER IL SETTORE ALIMENTARE

La attività industriali del settore alimentare, per la particolarità dei propri cicli produttivi, necessitano di superfici in grado di fornire prestazioni più elevate rispetto a quelle normalmente richieste, in particolare in termini di igiene e sicurezza .Quali? Lo abbiamo chiesto alla Steri-x Service , azienda operante con successo da 30 anni nel settore dei rivestimenti fluidi per ambienti ad alti standards igienici.

Quali sono le caratteristiche più richieste per una pavimentazione nel settore alimentare? 

Una pavimentazione industriale deve innanzitutto essere robusta, meccanicamente molto resistente, tenace, forte: deve cioè offrire un’alta resistenza ai carichi pesanti, alle sollecitazioni meccaniche, agli urti, ai graffi ed alle abrasioni, in considerazione sia del normale traffico veicolare che si svolge all’interno dello stabilimento in modo continuativo, sia degli eventi accidentali che vi si possono verificare e che possono causarne un deterioramento. Per garantire sicurezza al personale impiegato, limitare il rischio di incidenti e infortuni, ma al tempo stesso consentire una più efficiente e snella gestione del ciclo produttivo, si rivela spesso utile una finitura antisdrucciolo, differenziata a seconda del tipo di comparto e delle attività che vi si svolgono. La pavimentazione deve essere inoltre in grado di mantenere la propria funzionalità e le proprie caratteristiche anche in ambienti soggetti a condizioni particolarmente difficili, come sbalzi repentini di temperature, temperature estremamente basse od elevate, alto grado di umidità, presenza di vapori o di acqua (si pensi ad esempio all’ambiente di produzione del formaggio, caratterizzato da una forte umidità, o all’industria della carne dove la pavimentazione è frequentemente allagata). Deve poi offrire un’alta resistenza ad aggressioni da parte sostanze chimiche quali abrasivi, acidi, alcali, detergenti, ma anche ad altri elementi normalmente utilizzati o presenti durante la produzione quali olii, grassi, sali, sangue. Deve inoltre essere igienica e facile da pulire, anche con comuni detergenti o getti di vapore, e priva di giunti, che costituiscono un facile insediamento per batteri, spore, sporco; non dimentichiamo che la facilità di manutenzione contribuisce ad abbattere nel lungo periodo i costi fissi. Fattore di estrema importanza è la velocità di posa e di utilizzo, che, evitando fermi produttivi e non creando disagi agli ambienti adiacenti, si traduce in una notevole riduzione dei costi indiretti per l’azienda. Non da ultimo, il cliente esige un buon rapporto tra qualità e prezzo, in particolare che la pavimentazione mantenga la sua funzionalità nel tempo, senza “sbollarsi”, fessurasi od in qualche modo deteriorarsi, e che pertanto venga garantita per un arco temporale tale da giustificare ed ammortizzare l’investimento fatto. Negli ultimi anni si assiste anche ad una maggiore attenzione verso l’estetica della pavimentazione, che sia disponibile in più tonalità di colori, tale da potersi adattare al meglio all’ambiente nel quale viene posata.

Cosa è richiesto da un punto di vista legislativo?

Il regolamenti richiedono che “i pavimenti e le pareti debbano essere mantenuti in buone condizioni, essere facili da pulire e, se necessario, da disinfettare; ciò richiede l’impiego di materiale resistente, non assorbente, lavabile e non tossico. I soffitti (o la superficie interna del tetto) e le attrezzature sopraelevate devono essere costruiti e predisposti in modo da evitare l’accumulo di sporcizia e ridurre la condensa, la formazione di muffa indesiderabile e la caduta di particelle. Anche le superfici (comprese quelle delle attrezzature) nelle zone di manipolazione degli alimenti e, in particolare, quelli a contatto con questi ultimi devono essere mantenute in buone condizioni ed essere facili da pulire e, se necessario, da disinfettare; a tal fine si richiedono materiali lisci, lavabili, resistenti alla corrosione e non tossici.” La direttiva prescrive inoltre per le aziende del settore alimentare l’instaurazione di una attività di autocontrollo basata sulla metodologia HACCP (analisi dei rischi e punti critici di controllo) alla quale è affidata l’identificazione dei potenziali pericoli, la valutazione della gravità e della probabilità di comparsa, la individuazione ed applicazione di procedure di controllo dei punti critici. L’assicurazione degli aspetti igienico-sanitari di un alimento non deriva più soltanto da un controllo sul prodotto finito, comunque saltuario e limitato dalla campionatura effettuata, ma è correlato ad una vigilanza continua e ad un costante monitoraggio sull’intero processo produttivo. Inoltre, è fatto ormai consolidato che anche nel settore della grande distribuzione il rispetto degli standards di sicurezza alimentare BRC e IFS è un requisito indispensabile per poter operare nel settore agroalimentare: attraverso azioni di prevenzione, controllo e miglioramento continuo i fornitori della GDO devono ottemperare ai principi di sicurezza, qualità, eticità, eco-compatibilità e convenienza.

Quale la soluzione?

Steri-x Service da sempre attenta alle crescenti e variegate esigenze dell’industria alimentare, ha messo a punto un nuovo sistema per pavimentazioni igieniche, STERIFLOOR®, innovativa gamma di materiali polimerici corazzati per la protezione e impermeabilizzazione di pavimentazioni industriali, che non lascia spazio a contaminazioni. Fabbricati ed applicati secondo il Sistema di Qualità ISO 9002, rivoluzionari ed altamente tecnologici, non hanno uguali in quanto soddisfano egregiamente e contemporaneamente tutti i requisiti richiesti e sopra riportati.

Il sistema STERIFLOOR® consente di ottenere una pavimentazione dalle caratteristiche uniche:

 Continua, senza giunzioni da parete a parete, facile da riparare e da pulire, resistente ai lavaggi periodici

 Permanentemente elastica, flessibile, idonea sia in ambienti molto caldi sia per celle frigorifere di congelamento

 Resistente a qualsiasi temperatura (dai – 45° ai + 113°)

 Resistente agli agenti chimici e ad un’ampia gamma di sostanze aggressive inclusi acido lattico, soda, grassi animali, solventi, alcool ecc.

 Resistente agli urti e all’abrasione anche in ambienti soggetti ad estreme sollecitazioni meccaniche, incluso traffico pedonale e veicolare leggero e pesante

 Impermeabile

 Priva di solventi, atossica e non infiammabile

 Antisdrucciolo con possibilità di variare le caratteristiche in funzione dei parametri di scivolosità, conforme al D.L. 626/94 in materia di sicurezza sul lavoro.

 Applicabile anche su supporti umidi

 A rapida asciugatura e utilizzo: STERIFLOOR® può essere applicato a qualsiasi temperatura, anche estremamente basse (-35°C), dopo solo 20 minuti è pedonabile, dopo sole 2 ore carrellabile con carichi pesanti

 Pienamente conforme alla legislazione in materia di qualità negli ambienti alimentari e dei sistemi di autocontrollo HACCP

 Disponibile in un’ampia gamma di colori e finiture

 Fornita al cliente chiavi in mano e garantita

Per ulteriori informazioni: Steri-x Service Sa – Via Soldini 22 – 6830 Chiasso Tel +41 91 9605871

Print Friendly, PDF & Email